Carie: sintomi per riconoscerle

Le carie, inizialmente, sono molto difficili da individuare. Sapere quali sono i sintomi per riconoscerle è importante per intervenire e salvare il dente.

Riconoscere le carie come gli esperti

Le carie sono subdole e, nel primo stadio, non causano nessun dolore. Lavorano indisturbate fino a quando il dolore si scatena. Se riesci a individuare le prime avvisaglie riuscirai a ridurre i tempi di intervento e i danni al dente. 

Il primo indizio ti arriva dallo smalto che diventa opaco, ma si tratta di un segnale che solo un esperto riesce a cogliere. Lo smalto perde lucidità perché è il primo elemento ad essere colpito dalla carie. I controlli periodici dal dentista servono proprio ad individuare questi primi indizi. 

Carie: gli indizi

Ci sono altri segnali premonitori che puoi individuare anche tu. 

  • Alito cattivo dovuto alla forte presenza di batteri;
  • Ipersensibilità dentinale. Sostanze calde e fredde creano fastidio.
  • Disgeusia: alterazione del gusto;
  • Dolore durante la masticazione;
  • Macchie scure sui denti.

Dolore: un segnale da non trascurare

L’ultimo segnale è il dolore molto intenso scatenato dalla carie che ha raggiunto la polpa e le terminazioni nervose. È l’indizio più evidente e non si può assolutamente trascurare. Non basta prendere qualche antinfiammatorio, deve intervenire il dentista per risolvere il problema alla radice.

Non tutti i sintomi sopraelencati sono segnali esclusivi della carie ma indicano, comunque, la presenza di un problema dentale da controllare e curare.

 

Dott. Valerio Piccolo
Odontoiatra

www.studiodentisticopiccolo.com

Share Button
ti è piaciuto l\'articolo?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*