La potenza dei nostri pensieri: una riflessione

Perchè i nostri pensieri sono così potenti? Cosa possiamo realizzare con il nostro semplice pensare?

Scriveva un grande fisico della nostra storia, Albert Einstein, “Tutto è Energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella Realtà. Non c’è un’altra via. Questa non è filosofia. Questa è Fisica.”

Le parole di Einstein possono sembrare di difficile interpretazione, ma in realtà, basta pensare che noi costruiamo la nostra realtà proprio attorno ai nostri pensieri e quello che pensiamo si materializza. I nostri pensieri hanno la potenza di renderci tristi, arrabbiati, nervosi, gioiosi, gentili, generosi, forti, fragili etc.

Bisogna, per questo, scegliere con cura le parole che pronunciamo e fare una certa attenzione ai gesti. Pensieri negativi condizionano il nostro essere al mondo e se pensiamo sempre con negatività non potremo fare a meno di sentirci scontenti e senza forze. I nostri pensieri non hanno solo conseguenze per noi stessi, ma anche per chi ci sta accanto. Volendo fare un discorso più ampio, i nostri pensieri si propagano, viaggiano nel mondo, hanno una potenza incredibile.

Perchè praticare gentilezza?

pensieri.

Praticare la gentilezza, ad esempio, vuol dire riempire l’anima e il cuore nostro ma anche quello degli altri, arricchendo il mondo interiore di tutti. In una società come la nostra, si fa sempre più chiara l’esigenza di una ricchezza diversa, che va oltre il bisogno materiale. Quello che spesso manca, infatti, è la pienezza nel cuore e un sorriso sereno negli occhi.

 

Una borsa nuova per sentirsi felici?

Sembra ormai chiaro che per sentirsi felici non basta una borsa nuova o una casa diversa, ma la felicità è qualcosa che va ben oltre. Ognuno può costruire la propria felicità con poco; è importante ascoltare l’esigenze dell’anima, che di certo non cerca un paio di scarpe firmato. continua…

 

Dott.ssa Silvana Santospirito

Educatrice

Share Button

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*