Movida, controlli e sequestri

Gli Agenti dell’Unità Operativa Chiaia e della Tutela Minori della Polizia Locale di Napoli stanotte hanno sottoposto a sequestro penale una discoteca abusiva in via Bernardo Cavallino dove era in corso una serata danzante con 202 giovanissimi di cui buona parte minorenni 
perché privo delle autorizzazioni previste a tutela dell’incolumità degli avventori in termini di sicurezza ed agibilità per le discoteche. Il gestore è stato quindi denunciato all’Autorità Giudiziaria per mancanza  dell’agibilità e sanzionato in quanto sprovvisto della licenza di esercizio per le serate danzanti.
Inoltre durante l’ispezione dei luoghi  gli Agenti riscontravano la presenza di grosse quantità di alcolici e superalcolici e sorprendevano gli addetti al bar a somministrare alcol a minori di anni 16 e degli anni 18 e quindi, coloro che fornivano alcol senza preliminare accertamento dell’età  venivano denunciati ai sensi dell’art 689 c.p. per somministrazione di alcolici a ragazzi al di sotto dei 16 anni e sanzionati con una multa di 300 euro.
I ragazzi minorenni sorpresi a consumare sostanze alcoliche sono stati  affidati  ai genitori resi edotti di quanto accaduto e diffidati ad una maggiore vigilanza sulla condotta dei giovani.
Nel fine settimana al centro Storico un altro gestore di un baretto in Vico Carrozzieri è stato denunciato perché somministrava alcol a minori di 16 anni. Nella stessa zona gli Agenti hanno sequestrato sostanze stupefacenti  a ragazzi maggiorenni per i quali verrà inviata segnalazione alla Prefettura.

Per  uno di essi i poliziotti, dopo averlo prontamente soccorso, hanno richiesto l’intervento del 118 in quanto accusava un forte malore. 
Sono stati affidati ai genitori e verrà inoltrata segnalazione agli organi competenti.
Nei Baretti di Chiaia, in Vico Belledonne tre locali sono stati multati, due per musica percepibile all’esterno dopo la mezzanotte ed uno per vendita di bevande in vetro sempre oltre la mezzanotte. Sempre in zona “Baretti di Chiaia” una rosticceria ed uno studio professionale venivano multati per l’errato conferimento dei rifiuti prodotti mentre ad una ditta edile veniva contestata la mancata differenziazione e l’uso del sacco nero, per tutti veniva comminata una sanzione di 500 euro secondo la vigente ordinanza sui rifiuti.
A presidio del territorio anche gli Agenti del G.I.T. della Polizia Locale che,  attrezzati di etilometro e posizionatisi in piazza Amedeo, hanno imposto l’alt a numerose vetture. Tre i veicoli sequestrati ad altrettanti conducenti risultati positivi all’alcoltest.
L’anello compreso tra piazza Dante e piazza  Museo ha visto 65 accertamenti a veicoli fermati al posto di  controllo, 5 soggetti sorpresi alla guida senza aver conseguito la patente e 4 auto sequestrate perché sprovviste di copertura assicurativa. Oltre 150, infine, i verbali elevati dagli Agenti ad altrettante autovetture trovate sul perimetro del centro storico in sosta irregolare.
Inoltre agenti della U.O. Avvocata della Polizia Locale hanno elevato 10 verbali per difformità, eccedenze e/o mancanza di autorizzazioni all’occupazione di suolo pubblico per un importo complessivo di  30,000€, sanzioni ad attività commerciali per impatto  acustico una delle quali, in via S.Sebastiano, è stata anche  diffidata, con relativa ammenda di euro 2.000 in quanto  recidiva.
5 i parcheggiatori abusivi sanzionati e uno di essi deferito all’A.G. in considerazione della sua reiterata  attività abusiva.

Ulteriori 35 verbali sono stati redatti a carico di veicoli trovati in sosta vietata in P.zza Dante e via Portalba.
Le attività promosse dalla nostra polizia locale – dichiara l’Assessore Alessandra Clemente – nascono dal confronto continuo con associazioni, Municipalitá, comitati di genitori, esercenti, istituzioni competenti e dall’attivita di monitoraggio e prevenzione del fenomeno del consumo di alcol fra i minori, in particolare nei luoghi dell’intrattenimento serale dei più giovani. Un fenomeno crescente per il quale continueremo a dare il massimo contributo sul doppio binario della prevenzione promuovendo giornate di informazione 
rivolte ai ragazzi e colpendo con severità chi con grande irresponsabilità non sente il dovere di tutelare i nostri ragazzi”.

Paola de Vita

Share Button
ti è piaciuto l\'articolo?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*