OPERAZIONE BORGO

Il 30 gennaio si è tenuta una massiccia operazione interforze tesa al controllo del Borgo Sant’Antonio Abate da parte della Polizia Locale di Napoli che ha visto impiegati 50 agenti con 15 autoradio, 7 motoradio e diversi carri gru. 

Gli Agenti della Municipale, appartenenti alle Unità Operative del Vomero, San Lorenzo, Tutela Ambientale, Investigativa Centrale e Rimozione Auto, hanno proceduto al sequestro di 200 Kg di Tabacco Lavorato Estero, “sigarette di contrabbando” pronte ad essere immesse sul mercato.

Durante i controlli effettuati con l’ausilio anche di personale Enel e ABC venivano scoperti 24 allacciamenti fraudolenti alla rete elettrica e idrica con conseguente denuncia all’Autorità Giudiziaria.

Dai controlli per il corretto smaltimento dei rifiuti emergeva la mancata tenuta degli appositi registri di carico e scarico per 4 produttori di rifiuti e veniva sequestrato un cantiere edile per lo smaltimento di amianto in modo illecito; successivamente, venivano sottoposti a controllo e sanzionati 2 titolari di azienda per aver omesso di differenziare i rifiuti prodotti e aver utilizzato sacchi per rifiuti non trasparenti.

I controlli  venivano estesi anche alle numerose attività commerciali presenti in zona e consentivano di accertare la presenza di 8 banchi di frutta e verdura completamente abusivi con il conseguente sequestro di 730 kg di alimenti con relativa distruzione della merce esposta agli agenti atmosferici inquinanti.

Venivano, inoltre, accertate e sanzionate 37 occupazioni abusive di suolo pubblico, 15 tabelle pubblicitarie sprovviste delle relative  autorizzazioni e 15 tende solari non autorizzate.

Durante le operazioni gli Agenti provvedevano anche al controllo del rispetto delle norme del Codice della Strada sottoponendo a sequestro amministrativo 5 autoveicoli, 3 motocarri abbandonati in zona e 5 veicoli che dai controlli risultavano privi di copertura assicurativa.

Tali attività operative sono proseguite per l’intera mattinata.

Paola de Vita

Share Button
5 (100%) 1 vote

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*