Il paese dei pensionati

Secondo le statistiche, l’Italia è ad oggi il paese con la più alta spesa pubblica per previdenza, assistenza e sanità. Nel 2016, infatti, è stato destinato a tali finalità il 57% dell’entrata pubblica.

Alla luce dei suddetti dati, il nostro paese batte la Svezia di un punto percentuale. Su 830 miliardi di spesa pubblica totale, lo Stato ha speso 452 miliardi per sanità, pensioni ed assistenza; più della metà delle entrate totali.

Il rapporto sul bilancio del sistema previdenziale, del Centro Studi e ricerche “itinerari previdenziali” lascia emergere che in Italia si conta una pensione per ogni famiglia. La ricerca, inoltre, precisa che degli oltre 16 milioni di pensionati italiani, più della metà siano totalmente o parzialmente assistiti dallo Stato.

V’è di più, analizzando i dati, si riscontra un enorme tasso di evasione fiscale e contributiva: si pensi che i dipendenti pubblici, che rappresentano circa il 17% del totale dei pensionati, pagano un terzo delle tasse complessive. Da qui, considerando l’assenza di divergenze contrattualistiche tra i pubblici impiegati e quelli di società private, traspare con pacifica chiarezza l’enorme evasione contributiva, e conseguentemente fiscale, di molti settori, che ha determinato la diffusione a macchia d’olio delle pensioni basse.

Avv. P. Francesco Gugliara
francesco.gugliara@libero.it

Share Button
5 (100%) 1 vote

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*