Politiche pubbliche e partecipazione. Tra il dire e il fare – Esperienze a confronto: Campania, Emilia-Romagna, Toscana, Puglia

Primo evento pubblico, a Napoli, sul tema della partecipazione di associazioni e cittadini al governo del territorio cui prenderanno parte la Regione Campania e  le Regioni Emilia-Romagna, Toscana, Puglia.

            Queste ultime sono le uniche tre Regioni che, in Italia, hanno legiferato in materia e che hanno dato attuazione a processi partecipativi.  Interverranno per raccontare percorsi, attività e risultati raggiunti per rendere responsabili e partecipi i cittadini nella gestione della “Cosa Pubblica”

            L’ evento si terrà, a partire dalle ore 9.30 e sino alle 14.00, alla Porta del Parco ( via Diocleziano 341), ed è stato promosso e organizzato da Vivoanapoli APS insieme all’Osservatorio per l’Economia Civile, al Circolo Ilva di Bagnoli, alla banca BRI ( banca risorse immateriali) e alla Fondazione Guida alla cultura.

            L’iniziativa riveste per Napoli una grande attualità perché le pratiche partecipative sono diffuse nella vita sociale, ma ancora poco efficaci  a causa di carenze e limiti normativi, procedurali e organizzativi.

            Ne risentono il senso e gli scopi di questo principio che, come è noto, deve contribuire a migliorare le relazioni tra “governanti” e “governati” nell’interesse di politiche pubbliche legate e corrispondenti ai bisogni delle comunità, alla tutela ambientale, allo sviluppo umano.

            L’intento è partire dall’incontro del 18 maggio per condividere un percorso in grado di rafforzare la rete di associazioni impegnate da anni sul nostro territorio, stabilendo insieme  incontri e tavoli di confronto.

            Gli spunti proposti dall’incontro saranno raccolti anche dall’Osservatorio sull’Economia Civile, organo del Consiglio Regionale e partner dell’iniziativa, che, con il supporto delle associazioni intervenute alla riunione e dell’Associazione Italiana Partecipazione Pubblica (AIP2), si farà carico di promuovere l’avvio di un iter per l’elaborazione e l’approvazione di una legge regionale sul tema, così come avvenuto nelle tre Regioni ospiti del convegno/seminario.

            La mattinata si articolerà in tre sessioni:

  • una sulla normativa vigente a livello Europeo e nazionale e sui vantaggi della co-decisione nelle politiche pubbliche. Interventi di Giuseppe Brandi e Marco Rossi Doria
  •  la seconda sul confronto con le tre Regioni ospiti e la Campania, sulle buone prassi, le chiavi di successo e sul protocollo siglato tra Emilia-Romagna, Toscana, Puglia e l’Associazione Nazionale sulla Pubblica Partecipazione (AiP2). Partecipano Bruno Discepolo ( Regione Campania), Micaela Deriu ( Regione Emilia-Romagna), Rocco De Franchi ( Regione Puglia), Antonio Floridia ( Regione Toscana)
  •  la terza sulle criticità e le azioni per superarle. Testimonianze di Gilda Berruti, Josi della Ragione, Davide D’Errico, Eleonora Giovene di Girasole, Andrea Morniroli. Reazioni di Serenella Paci e Andrea Gelao dell’Associazione Italiana Partecipazione Pubblica (AiP2)

          L’incontro sarà aperto dai saluti di Dino Falconio, Sub Commissario per la bonifica ambientale e la rigenerazione urbana di Bagnoli, di Bruno Cesario, Presidente Tavolo di Partenariato Regione Campania.

            Coordinamento e moderazione a cura di Osvaldo Cammarota per Circolo Ilva e BRI, Emilia Leonetti, Presidente Vivoanapoli APS, Giulio Maggiore, Presidente Osservatorio Economia Civile della Regione Campania.

Sabato 18 maggio ore 9.30 Porta del Parco (via Diocleziano 341)

Share Button
Rate this post

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*