Bambini: rapporto denti/postura

Dal momento della nascita in poi i bambini sviluppano e aumentano il volume delle arcate dentali, preparandole a ricevere l’eruzione dei primi dentini. I cambiamenti riprendono a 12/13 anni quando si presenta la totale sostituzione dei denti decidui con quelli permanenti, abbinati alla formazione dei secondi molari. Per una struttura perfetta, che accolga armoniosamente tutti i denti, le arcate devono rispettare il rapporto volume/grandezza e numero dei denti.

Questa perfezione, però, non è sempre possibile, anzi è un evento piuttosto raro quindi, se i denti non hanno abbastanza spazio, si crea affollamento dentale con conseguente rischio di denti storti, disallineati, sovrapposti che, a loro volta, danno vita a malocclusione di seconda o terza classe.

Tutte queste caratteristiche non si limitano a creare una bocca poco armonica, ma si riflettono su diversi fattori fisici come difficoltà respiratorie o problemi posturali. La malocclusione, in particolare, porta ad un disallineamento di mascella che si ripercuote sull’apparato scheletrico. I primi problemi si ravvisano a carico delle vertebre del collo che danno vita ad infiammazione e attacchi di cervicale, fino a scendere giù lungo tutta la schiena. Basta pensare che alcuni dolori agli arti sono riconducibili alla malocclusione che ha influito negativamente sulla postura. È questo il motivo per cui la dentizione del bambino va tenuta sotto controllo fin dai primi dentini: per monitorare l’evoluzione ed intervenire immediatamente in caso di arcate dentali non perfette.

Dott. Valerio Piccolo
Odontoiatra

www.studiodentisticopiccolo.com

Share Button

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*