La commissione Ambiente sul degrado dell’area verde di via Lombardia a Miano

Nella riunione presieduta da Marco Gaudini approfondimenti sugli interventi necessari a restituire pulizia e sicurezza alla strada posta a ridosso di due istituti scolastici. Sono intervenuti la dirigente del servizio Verde della città Teresa Bastia, il dirigente tecnico della Settima Municipalità Fabio Vittoria e il consigliere municipale Marco Quercia Il tema al centro della discussione, ha spiegato in apertura il presidente Gaudini, è stato sollevato dalla consigliera Galiero (Napoli in Comune a Sinistra), con la richiesta di interventi urgenti che pongano fine allo stato di degrado della strada di Miano. La strada, ha illustrato la consigliera Galiero, si trova a ridosso dell’istituto comprensivo 64° Rodari-Moscati, e versa in uno stato di totale abbandono, con presenza di rifiuti, verde non curato, mancanza di illuminazione e, quindi, di sicurezza. La Municipalità, ha spiegato il consigliere municipale Marco Quercia, è intervenuta in passato con operazioni di pulizia, ma non riesce ad assicurare azioni periodiche per la mancanza di risorse a disposizione. Resta da sciogliere, a questo punto, il nodo delle competenze per un intervento straordinario da realizzare nell’immediatezza e, successivamente, pensare ad una modalità di gestione che ne garantisca la manutenzione ordinaria nel tempo. La dirigente del servizio Verde della Città Teresa Bastia, oggi anche in rappresentanza della dirigente del servizio Igiene Roberta Sivo, ha proposto di effettuare un sopralluogo sul posto con la commissione, convocando, insieme alla Municipalità e ai servizi oggi presenti, anche il servizio Patrimonio, la Napoli Servizi, l’Asia e i soci cooperatori della coop 25 giugno, per definire tempi e modi di un intervento straordinario. C’è, poi, da definire il modello di gestione ordinaria, che potrebbe essere individuato alla luce delle previsioni contenute nel regolamento Adotta un’aiuola e in quello relativo ai Beni comuni. Importante, ancora, la questione del personale disponibile, una difficoltà già grave relativamente alle figure di giardinieri ed agronomi e che peggiorerà ulteriormente con i pensionamenti previsti nell’ambito di quota 100, tra i quali rientreranno quelli degli ultimi agronomi a disposizione dell’amministrazione comunale. Per il consigliere Vernetti (Dema) va anche presa in considerazione la possibilità di utilizzare gli spazi a verde per la realizzazione di orti scolastici, affidandoli alle scuole vicine.

Pasquale Rovito

Share Button

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*