Movida e clienti rumorosi: chi deve provvedere?

Sarà capitato a tutti di frequentare le zone della cosiddetta “movida”, ove c’è allegria, compagnia, ma anche rumore, confusione, spesso fino a tarda notte.
E se non si frequentano quelle zone per divertimento, ma perché lì c’è la propria casa, può essere davvero stressante non avere pace fino a tarda notte.

A chi spetta, ci si può chiedere, di mandar via quei clienti particolarmente molesti?

Se si vuole evitare di scendere in strada con la mazza da baseball e consigliar loro di andarsene, si potrebbe ipotizzare che tale compito spetti al Bar e/o esercizio commerciale, che dir si voglia.

Non è così. L’onere di far rispettare il divieto di stazionamento a partire dalle ore 22 spetta all’amministrazione locale. Lo ha precisato il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia, sezione di Brescia, nella sentenza  n.1255/2017, pronunciatasi sul ricorso del legale rappresentante di una società contro un provvedimento Comune

Evidenzia il T.A.R., che al gestore non può essere imposto di vigilare sull’uso degli spazi esterni autonomamente fatto dagli avventori: alla società è incontestatamente precluso di servire i propri clienti all’esterno o favorire, con sedute e tavoli, il consumo di quanto somministrato all’interno del locale, ma sul rispetto di ciò deve vigilare il Comune.

Non si ritiene gravare alcuna responsabilità sul gestore del locale quanto all’uso degli spazi esterni fatto dai clienti, non avendo questi a disposizione alcuno strumento di coercizione nei confronti di chi non rispetta il divieto di stazionamento dovuto alla mancanza di autorizzazione all’uso del plateatico.

Pertanto, da un lato si conferma l’onere in capo al gestore di adottare ogni accorgimento e precauzione affinché la permanenza all’esterno sia limitata al solo tempo necessario per l’allontanamento e i toni degli avventori siano, in tale fase, moderati; dall’altro, l’assenza di ulteriori disagi (fino a poco prima dell’udienza pubblica), fa risultare irragionevole e sproporzionata la totale interdizione circa lo stazionamento della clientela innanzi al locale dalle ore 22, imponendo al gestore dello stesso di far rispettare tale divieto agli avventori.

Insomma, se vi danno fastidio i rumori della movida, non ve la prendete col gestore del bar.

Non scendete con la mazza da baseball, bensì chiamate la polizia.

Avv. Umberto Colabella

umberto.colabella@libero.it

Share Button

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*